venerdì , 19 dicembre 2014
Ti trovi qui: Home / Articoli / I cibi giusti per “rinforzare” il nostro cervello
I cibi giusti per “rinforzare” il nostro cervello

I cibi giusti per “rinforzare” il nostro cervello

Mangiare sano è fondamentale sia per la nostra salute fisica che mentale. Se vogliamo che il nostro cervello funzioni al meglio, bisogna nutrirlo con i giusti cibi evitando cibi spazzatura poveri di sostanze utili e talvolta carichi di additivi chimici, spesso nocivi.

 

foods

 

Vediamo quali cibi aiutano a mantenere sano il nostro sistema cerebrale:

  • Cereali integrali: con un indice glicemico basso, i cereali integrali vengono convertiti in energia lentamente e vengono assimilati gradualmente. Essi hanno inoltre aumentare la vostra capacità di concentrarsi: riso integrale e pasta integrale inseriti nella nostra dieta aiutano a migliorare la salute cardiovascolare – con conseguente miglioramento del flusso di sangue al cervello.
  • “Pesce grasso”: come il salmone selvatico, il tonno e lo sgombro ricchi di Omega 3. La carenza di omega-3 è stata associata ad un più alto rischio di infiammazione e di demenza senile. Una forma di omega-3 chiamato acido docosaesaenoico (DHA), che costituisce il 25% del cervello e che il nostro organismo non è in grado di produrre da solo è fondamentale nella nostra dieta. Più si invecchia, più DHA è necessario.
  • Mirtilli: - per alimentare la memoria a breve e lungo termine, optare per i mirtilli che non sono costosi e possono essere reperiti facilmente. Essi sono efficaci nel nel ridurre al minimo la perdita di memoria correlata all’età.
  • Pomodori: ricchissimi di licopene, una sostanza che ci protegge efficacemente dagli attacchi dei radicali liberi. L’ossidazione è considerata uno dei rischi principali di malattie neuro-degenerative.
  • Frutta secca: l’aggiunta di una manciata al giorno di mandorle, noci, semi di zucca o semi di girasole, ha dimostrato di rallentare il declino cognitivo. Migliorano inoltre i livelli di vitamina E ed aumenta l’apporto di fibre.
  • Avocado:  i grassi “buoni” presenti nell’avocado aiutano a migliorare il flusso di sangue nel nostro cervello.
  • Olio extravergine d’oliva: gioca un ruolo fondamentale per il nostro cervello, che non ha bisogno solo di glucosio ma anche di grassi, purché di quelli “buoni”. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che diete poverissime di grassi sono nocive per il cervello perché causano confusione, sbalzi d’umore e insonnia; viceversa, un regime alimentare ricco di grassi essenziali porta a una mente brillante, aiuta la memoria e favorisce uno stato d’animo più equilibrato.
  • Olio di cocco: il combustibile primario usato dal cervello è il glucosio.  Eccessivi danni dei radicali liberi , impediscono al cervello l’ utilizzo del glucosio. In poche parole, quando il cervello non riceve abbastanza glucosio, le cellule cerebrali degenerano e muoiono. La Dr.ssa Mary Newport, una neonatologa della Florida, ha documentato incredibili progressi del marito con inversione della malattia di Alzheimer mangiando olio di cocco [ Ulteriori informazioni su questa vicenda, potete trovarle nel suo libro – “Malattia di Alzheimer: se ci fosse una cura?”] In sostanza, sono i  trigliceridi a catena media (MCT) nell’olio di cocco che possono fare miracoli sulla disfunzione cerebrale. Già nel 1960, il dottor George Cahill ha scoperto che l’olio di cocco può essere metabolizzato dal fegato e trasformato in chetoni – che vengono poi utilizzati come fonte di carburante alternativa per il cervello . Quindi, in altre parole, questi chetoni sono convertiti direttamente in energia per il cervello – invece di essere immagazzinati come grasso nel corpo.
  • Cioccolato fondente: (almeno al 70%) consumandone 30 grammi al giorno, aiutiamo il nostro corpo e la nostra mente. Il cacao ha importanti proprietà antiossidanti, contiene diverse sostanze stimolanti naturali come la caffeina (come già visto in grado di migliorare attenzione e concentrazione) e stimola la produzione di endorfine che aiutano a migliorare l’umore.
  • Fagioli:  Cosa c’entrano i fagioli con il cervello? semplice: assicurano l’energia che la materia grigia consuma in abbondanza rilasciando lentamente glucosio garantendo rifornimento costante per buona parte della giornata e senza causare problemi con la glicemia. In più contengono fibre, vitamine, minerali e proteine, tutte sostanze che tornano utili al nostro cervello.
  • Aglio: non solo è valido per ridurre il “colesterolo cattivo” e per rafforzare il sistema cardiovascolare, ma esercita anche un effetto antiossidante protettivo del cervello.
  • Tè verde: può aiutare il cervello, migliorando la memoria, la concentrazione e l’umore. Il tè verde contiene inoltre potenti antiossidanti, in particolare le catechine, un vero toccasana non solo per il cervello ma per tutto l’organismo. Consumare tè verde ogni giorno (almeno  tazze), potenzia la memoria, mantiene in salute il cuore, previene molti tumori ed aiuta a combattere i depositi di grasso.

 

Fonti:

http://undergroundhealthreporter.com

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Scroll To Top